Salta al contenuto

Cos'è

Dozza celebra il mondo dei motori. Ecco l’evento ‘Casa Costa – Storia di eroi tra cielo e pista’. DozzAmbassador alla famiglia Costa e alle Frecce Tricolori

Dozza strizza l’occhio al mondo dei motori e prepara l’antipasto al Gran Premio del Made in Italy e dell’Emilia-Romagna, in programma all’Autodromo Internazionale ‘Enzo e Dino Ferrari’ di Imola in programma il 21 maggio, con l’evento ‘Casa Costa – Storia di eroi tra cielo e pista’.

L’appuntamento, ideato per celebrare il patrimonio motoristico della Motorvalley, è fissato in agenda per il prossimo 16 maggio a partire dalle ore 17.30 nella centralissima Piazza Zotti. Un’iniziativa creata dal municipio guidato dal sindaco Luca Albertazzi, in collaborazione con la Fondazione Dozza Città d’Arte e con il supporto del Consorzio Con.Ami tramite lo specifico contenitore di promozione territoriale Terre&Motori, che vede il patrocinio della Regione Emilia-Romagna, della Città Metropolitana di Bologna e del Nuovo Circondario Imolese. Senza dimenticare le sinergie in atto con IF Imola Faenza Tourism Company, Associazione Fotografica-Culturale ‘G.Magnani’ di Borgo Tossignano, Enoteca Regionale dell’Emilia-Romagna, Cooperativa Ceramica di Imola, Etra, I.I.S. ‘Bartolomeo Scappi’ di Castel San Pietro Terme e cantina vitivinicola Merlotta.

Un pomeriggio di festa aperto alla cittadinanza che l’amministrazione del paese dei muri dipinti abbinerà alla consegna del titolo di DozzAmbassador alla famiglia Costa e alla Pattuglia Acrobatica Nazionale - 313° Gruppo A.A. Frecce Tricolori, proprio a poche settimane di distanza dalle celebrazioni del centenario dell’Aeronautica Militare, in autentica esclusiva territoriale. Il modo migliore per omaggiare due eccellenze della nostra Italia conosciute ed apprezzate in ogni angolo del globo. Da un lato i fratelli Claudio Marcello e Carlo Costa, figli di quel Francesco Maria ‘Checco’ Costa a cui si devono la genesi dell’autodromo imolese e l’organizzazione di tante gare motociclistiche di valenza internazionale, protagonisti integranti del romanzo delle due e quattro ruote iridate. Impossibile dimenticare il contributo di Claudio Marcello Costa, per tutti il ‘dottorcosta’, al pianeta motociclistico con l’ideazione della Clinica Mobile attraverso la quale ha sviluppato e rivoluzionato il servizio di primo soccorso medico a bordopista. Un autentico angelo custode, presente per decenni nel paddock del motomondiale, per tanti piloti curati dalle ferite del fisico e dell’anima in tempi record. Ma anche strappati dalle braccia di un destino avverso grazie ad interventi operatori tempestivi. Claudio Costa, lontano dai clamori e dalle luci dei riflettori, è stato anche medico del campione brasiliano di Formula 1 Ayrton Senna. Non meno importante, in ambito giornalistico ed organizzativo, il contributo di Carlo Costa. Dal ruolo di storico speaker del circuito di Imola, con quel suo inconfondibile timbro vocale capace di ‘scaldare’ gli appassionati assiepati sulle tribune di diversi autodromi italiani ed europei, a vero e proprio braccio destro del padre Checco in competizioni del calibro della leggendaria 200 Miglia. Alla cerimonia pomeridiana sono attesi tanti protagonisti del pianeta delle corse, un nome su tutti: Michael Doohan, cinque volte iridato della classe 500 di moto. Ma anche Loris Capirossi, Andrea Dovizioso, Virginio Ferrari, Johnny Cecotto, Franco Uncini, Pier Paolo Bianchi e Carlos Lavado. L’evento è presentato dai giornalisti Marino Bartoletti e Mattia Grandi.

Dalla terra al cielo seguendo la scia delle Frecce Tricolori. Il borgo dei muri dipinti, infatti, tributerà il DozzAmbassador anche all’intero equipaggio della celebre Pattuglia Acrobatica Nazionale. Una realtà nata nel 1961 in seguito alla decisione dell'Aeronautica Militare di creare un gruppo permanente per l'addestramento all'acrobazia aerea collettiva dei suoi piloti. Con dieci aerei, di cui nove in formazione e uno solista, si tratta della pattuglia acrobatica più numerosa del mondo come certificato dal Guinness World Record. Un patrimonio della nostra penisola e un prezioso simbolo dell’unità nazionale.

Ma non è tutto. Terminate le celebrazioni in Piazza Zotti, attorno alle ore 19 con ingresso ad invito, spazio al taglio del nastro della mostra ‘Casa Costa’ allestita nella cornice scenica della Rocca di Dozza. Il modo migliore per ripercorrere negli spazi museali l’epopea della nota famiglia imolese. Una carrellata di 140 scatti fotografici, provenienti dall’archivio del curatore dell’esposizione Claudio Ghini, sistemati nella pinacoteca del castello in stretta collaborazione con l'Associazione Magnani di Borgo Tossignano. Ma pure documenti inediti sulle origini del tracciato romagnolo e memorabilia, tra cui spiccano caschi e tute (una anche del grande Fausto Gresini, ndr) disposti lungo le sale in un’inedita accoppiata con i meravigliosi allestimenti della collezione permanente del castello, e moto originali dell’epoca come la MV Agusta 750 del 1972 di Giacomo Agostini o le Suzuki 500 di Barry Sheene e Marco Lucchinelli. Da non perdere la splendida saletta Senna-Zanardi nella quale trovare suggestivi scatti fotografici dei due piloti e oggetti personali consegnati al municipio dozzese dalla famiglia di Alessandro Zanardi. L'esposizione sarà aperta al pubblico dal 17 maggio fino al 4 giugno con accesso vincolato al percorso di visita museale secondo i vigenti orari e il necessario titolo d’ingresso.

A chi è rivolto

Agli interessati.

Tipo evento

Eventi sportivi

Date e orari

Costi

Eventuali costi sono indicati nella descrizione dell’evento.

Contatti

Ultimo aggiornamento: 23-11-2023, 13:41